Bookmark and Share

Saint Maximilian Maria Kolbe

Franciscan Friar, Martyr of Charity
Born in Poland on 8 January 1894; Killed in Auschwitz Concentration Camp by lethal injection on 14 August 1941, having taken the place of another man chosen among 10 men to die by starvation
Beatified on 17 October 1971 by Blessed Paul VI
Canonized on 10 October 1982 by St John Paul II who declared him the "Patron Saint of our difficult century".
Patron saint of drug addicts, political prisoners, families, journalists, prisoners, and the pro-life movement.
Feast Day - 14th August

3 2us by Father Emmanuel Mansford CFR       
"St Maximilian, aided by the prayers and his love for Our Lady, gave himself completely, totally, as she did, up to the point of the Cross, so that another man may live, may go home and look after his wife and his family. This man, this priest, St Maximilian Kolbe, was called by Pope John Paul II 'the Patron Saint of our difficult century'. Where so much innocent life was taken through communism and nazism, he stood for the Gospel, for the gospel of life, as a witness. In our age, we, especially men, should be challenged by his life of commitment, of sacrifice, of saying yes to God totally, of being a man for others.'

Daniel, from the UK, chose Maximilian Kolbe as his Man for Others      
"It's amazing to me to know that his faith and his courage, his spirits, his belief in God kept him alive, even without food, without water, he was kept alive by his faith. .. What strikes me about Maximilian: his life of saying 'yes' to God; it cost him his life but in doing that he followed the way of our Saviour, Jesus."

Adam, Gavin & Liam all chose St Maximilian Kolbe on The Incredibles

Adam
, from the USA      
"There was St Maximilian Kolbe who never lost his dignity of himself and of his fellow prisoners. And it was his love of Jesus through the Immaculate Heart of Mary that allowed him to love both his fellow prisoners but also the guards there too. And it was also that same love for the Blessed Mother that allowed him to step out of line."

Gavin, from England      
"Maximilian Kolbe was a fantastic man who was a Franciscan priest and it was his passion to spread the Good News throughout the world. This saw him setting up a printing press in Poland and going as far as Japan to spread the Good News of the Gospel... He always had a massive passion for Our Lady as well and took her role as true disciple to heart. Father Maximilian Kolbe was a man who, through his passion for the Gospel, gave his life for another man in Auschwitz."

Liam, 20 & from the UK      
"A lot of my family came from Poland during the war and to see Maximilian Kolbe's sacrifice is kind of like one side of my family but then another side of my faith.  I've come from the Hebrew background and he sacrificed himself for a Jewish man. That huge sacrifice is something we need to take account of in our daily lives .. It wasn't anything solely religious, like he did something that anyone could have done but he was the one who chose to do it do and I think it's one of the bravest things that people can ever do - to lay down their life for another person."

Immaculata Prayer

O Immaculata, Queen of Heaven and earth, refuge of sinners and our most loving Mother, God has willed to entrust the entire order of mercy to you.
I, a repentant sinner, cast myself at your feet, humbly imploring you to take me with all that I am and have, wholly to yourself as your possession and property.
Please make of me, of all my powers of soul and body, of my whole life, death and eternity, whatever most pleases you. If it pleases you, use all that I am and have without reserve, wholly to accomplish what was said of you: "She will crush your head," and "You alone have destroyed all heresies in the whole world." Let me be a fit instrument in your immaculate and merciful hands for introducing and increasing your glory to the maximum in all the many strayed and indifferent souls, and thus help extend as far as possible the blessed kingdom of the most Sacred Heart of Jesus. For wherever you enter you obtain the grace of conversion and growth in holiness, since it is through your hands that all graces come to us from the most Sacred Heart of Jesus.

V. Allow me to praise you, O Sacred Virgin
R. Give me strength against your enemies. Amen.

St Maximilian Kolbe wrote the following letter to his mother from Auschwitz on 15th June 1941:

“My dearest Mother,
Towards the end of the month of May I reached the concentration camp of Auschwitz (Oswiecim) by rail convoy.
Everything is going well with me. Beloved Mum, don’t worry about me or about my health, because the good God is everywhere and with immense love he thinks about all of us and about everything. It would be best not to write to me until I send you another letter. I don’t know how long I shall remain here.
with heartfelt Greetings and a Kiss.”

(It’s the last known letter he wrote.)

From the Writings of St Maximilian Maria Kolbe OFM Conv

.. We know that the most perfect of all creatures is the Mother of God. She is immaculate, full of grace, all-beautiful, and it is from her that God receives the greatest glory. (20.6.1937)

.. In the union of the Holy Spirit with Mary Immaculate, it is not just the love of two beings, one God and the other a creature; but in the Holy Spirit, it is the love of the Holy Trinity, and in Mary it is the love of all creation. And so in this union heaven is joined to earth, the entire heaven to the whole earth, the whole of eternal Love to the entire created Love, it is the summit of Love. (17.2.1941)

.. I would wish you each day, each moment to draw ever closer to the Immaculate, to know her better and better, and to love her more and more. (4.11.1937)

.. Mary is the Mediatrix of all graces, it is to her that we go as children to their mother .. The soul needs a very deep faith, a very strong love, and often needs to have recourse to the Mother of God, because she is the Mother of supernatural life, the Mother of divine grace. The Lord wishes us to receive graces through her and this can only be if we come close to her. (19.4.1948)

.. If anyone wants to grow in perfection, he does not go forward alone, for he needs a guide. So in order to raise oneself towards God, it is normal to do so through and with Mary. The saints who were sanctified most rapidly were those who were most ardent in glorifying Mary. And we, who compared with them, are so poor, must always walk with Mary along the way of perfection. (30.5.1933)

.. Let us allow the Virgin Mary to lead us, we shall be better for it and we shall resemble her. (4.7.1937)

.. Prayer .. is little understood; yet it is the most powerful means for attaining peace of soul, for giving it happiness, and inflaming it with the love of God. By prayer the world is born again. Prayer is an indispensable condition for the renewal and life of souls. (10.9.1940)

.. A short invocation during work is the best prayer, and is very practical, for one is united constantly and ever more closely to the Immaculate, as the instrument in the hands of the mistress, and so we obtain the grace of illumination of our intelligence (to know her will) and strength for our will (to fulfill it). (15.10.1931)

.. The Immaculate desires that we not only work, but that we also suffer for her. There is an immense field of action through suffering. To endure each day's little crosses is what it means to give oneself to the Immaculate. Not only are they to be endured, but to be desired; let them exist! Without them we cannot win heaven! (17.1.1937)

.. The cross is the school of Love. Let us remember that Love lives and is nourished by sacrifices. Let us always have recourse to the Immaculate in order to keep peace of soul .. There will always be the Cross and trials, but they can never separate us from the Mother of God. (3.9.1937)

.. Allow me to praise you, Virgin most holy.
Allow me to glorify you by my sacrifice.
Allow me to live, to suffer, to work, to be consumed and die for you and for you only.
Allow me to bring to you the whole world.
Allow me to contribute to your ever greater exaltation, as far as it is possible. Allow me to glorify you as no-one has ever glorified you before.

.. May your glory grow still more profoundly, more rapidly, more powerfully, as the One who exalted you so ineffably above all beings, Himself desires. For you, God created the universe. For you, He called me into existence. That is my happiness. So, let me praise you, Virgin most holy! (8.12.1938)

I say to you all and to each one individually.
in her name, she loves you, each of you.
She loves you very much.
She loves you
at every moment,
without exception.
That is what I repeat to you in her name.

Papa Benedict XVI's words at the General Audience, 13 August 2008
- in Croatian, English, French, German, Italian, Portuguese & Spanish

" ... Those who pray never lose hope, even when they find themselves in a difficult and even humanly hopeless plight. Sacred Scripture teaches us this and Church history bears witness to this.

In fact, how many examples we could cite of situations in which it was precisely prayer that sustained the journey of Saints and of the Christian people! Among the testimonies of our epoch I would like to mention the examples of two Saints whom we are commemorating in these days: Teresa Benedicta of the Cross, Edith Stein, whose feast we celebrated on 9 August, and Maximilian Mary Kolbe, whom we will commemorate tomorrow, on 14 August, the eve of the Solemnity of the Assumption of the Blessed Virgin Mary. Both ended their earthly life with martyrdom in the concentration camp of Auschwitz. Their lives might seem to have been a defeat, but it is precisely in their martyrdom that the brightness of Love which dispels the gloom of selfishness and hatred shines forth. The following words are attributed to St Maximilian Kolbe, who is said to have spoken them when the Nazi persecution was raging: "Hatred is not a creative force: only love is creative." And heroic proof of his love was the generous offering he made of himself in exchange for a fellow prisoner, an offer that culminated in his death in the starvation bunker on 14 August 1941.

.. "Hail Mary!" was the last prayer on the lips of St Maximilian Mary Kolbe, as he offered his arm to the person who was about to kill him with an injection of phenolic acid. It is moving to note how humble and trusting recourse to Our Lady is always a source of courage and serenity. While we prepare to celebrate the Solemnity of the Assumption, which is one of the best-loved Marian feasts in the Christian tradition, let us renew our entrustment to her who from Heaven watches over us with motherly love at every moment. In fact, we say this in the familiar prayer of the Hail Mary, asking her to pray for us "now and at the hour of our death"."

The Testimonies of some of those in Auschwitz with St Maximilian

Sigmund Gorson: "I was born in a precious family where love was abundant. All my family, parents, sisters and grandparents were murdered in the Concentration Camp. I was the only survivor. For me, it was extremely hard to find myself alone in this world, in the horror and hell that was lived in Auschwitz, and alone thirteen years old. 

Many youth like myself lost all hope of survival, and many jumped into the high voltage barbed wires to commit suicide. I never lost hope of finding someone among the immense mass of people who would have known my parents, a friend, a neighbour, so that I wouldn’t feel so alone

This is how Father Kolbe found me, to put it in simple terms, while I was looking for someone with whom I could make a connection. He was like an angel for me. Just like a mother hen takes in her chicks, that’s how he took me into his arms. He would clean my tears. I believe more in the existence of God ever since then. Ever since the death of my parents, I would ask myself, Where is God? I had lost all faith. Father Kolbe gave me back my faith.

Father Kolbe knew I was a young Jew, but his love would embrace everyone. He gave us lots of love. To be charitable in times of peace is easy, but to be charitable the way Father Kolbe was in that place of horror is heroic. I not only loved Father Kolbe a lot in the Concentration Camp, but I will love him until the last day of my life." 

Mieczyslaus Koscielniak: "Saint Maximilian would encourage us to persevere with fortitude, “Do not allow yourselves to break down morally,” he would say to us, promising that God’s justice existed and that the Nazis would eventually be defeated. Listening to him, we would forget about our hunger and the degradation which we were subjected to constantly. 

One day, Saint Maximilian asked me for a favour. He said, our life here is very insecure, one by one we are being taken to the crematoriums, maybe I will go next, but in the meanwhile, can you do me a favour? Could you make me a drawing of Jesus and Mary, to whom I am very devoted? I drew it for him in the size of a postage stamp, and he would carry it with him all the time in a secret space he had on his belt. 

Risking his own life or at least a good beating, between the months of June and July, he secretly met with us, almost every day, to instruct us. His words meant a lot to us. He would speak to us with such great faith about the saints who were celebrated each day, and how much they had to suffer. He would speak to us with great ardour about the martyrs who had totally sacrificed their lives for God’s cause. On Pentecost, he exhorted us to persevere, not to lose hope. Even if we don’t all survive, he said, we will all for sure triumph. 

Henry Sienkiewicz: "I never let a day pass by without seeing my friend. Father will win the hearts of all. Father Kolbe lived day by day by the hand of God. He had such an attraction, which was like a spiritual magnet. He would take us to God and the Virgin Mary. He wouldn’t stop telling us that God was good and merciful. He desired to convert everyone in the Camp, including the Nazis. He not only prayed for their conversion, but would exhort us to also pray for their conversion.

One morning when I was getting ready to go do some hard labour, right before leaving, Father gave me a quarter of his bread portion. I didn’t want to take it, because I noticed he had been brutally beaten and he was exhausted. Besides, he would not receive anything else until the night. Father Kolbe embraced me and said: 'You should take it. You are going to be doing hard labour and you are hungry.'"

If I was able to leave that place alive, keep my faith and not despair, I owe it to Father Kolbe. When I was close to desperation and just about to jump on the electrical voltage barbed wires, he gave me strength and told me I would come out of there alive. Just lean on the intercession of the Mother of God. He instilled in me a strong faith and a living hope, especially in her Maternal protection."

Pope St John Paul II's homily at the Canonization of Maximilian Kolbe
St Peter's Square, 10 October 1982 - in Italian & Portuguese

1. “Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gv 15,13).

"Da oggi la Chiesa desidera chiamare “santo” un uomo al quale è stato concesso di adempiere in maniera assolutamente letterale le suddette parole del Redentore.

Ecco infatti, verso la fine di luglio del 1941, quando per ordine del capo del campo si fecero mettere in fila i prigionieri destinati a morire di fame, quest’uomo, Massimiliano Maria Kolbe, si presentò spontaneamente, dichiarandosi pronto ad andare alla morte in sostituzione di uno di loro.

Questa disponibilità fu accolta, e al padre Massimiliano, dopo oltre due settimane di tormenti a causa della fame, fu infine tolta la vita con un’iniezione mortale, il 14 agosto 1941.

Tutto questo successe nel campo di concentramento di Auschwitz, dove furono messi a morte durante l’ultima guerra circa 4.000.000 di persone, tra cui anche la Serva di Dio Edith Stein (la carmelitana suor Teresa Benedetta della Croce), la cui causa di Beatificazione è in corso presso la competente Congregazione. La disobbedienza contro Dio, Creatore della vita, il quale ha detto “non uccidere”, ha causato in questo luogo l’immensa ecatombe di tanti innocenti.

Contemporaneamente dunque, la nostra epoca è rimasta così orribilmente contrassegnata dallo sterminio dell’uomo innocente.

2. Padre Massimiliamo Kolbe, essendo lui stesso un prigioniero del campo di concentramento, ha rivendicato, nel luogo della morte, il diritto alla vita di un uomo innocente, uno dei 4.000.000.

Quest’uomo (Franciszek Gajowniczek) vive ancora ed è presente tra noi. Padre Kolbe ne ha rivendicato il diritto alla vita, dichiarando la disponibilità di andare alla morte al suo posto, perché era un padre di famiglia e la sua vita era necessaria ai suoi cari. Padre Massimiliano Maria Kolbe ha riaffermato così il diritto esclusivo del Creatore alla vita dell’uomo innocente e ha reso testimonianza a Cristo e all’amore. Scrive infatti l’apostolo Giovanni: “Da questo abbiamo conosciuto l’amore: egli ha dato la sua vita per noi; quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli” (1Gv 3,16).

Dando la sua vita per un fratello, padre Massimiliano, che la Chiesa già sin dal 1971 venera come “beato”, in modo particolare si è reso simile a Cristo.

3. Noi, dunque, che oggi, domenica 10 ottobre, siamo riuniti davanti alla Basilica di san Pietro in Roma, desideriamo esprimere il valore speciale che ha agli occhi di Dio la morte per martirio del padre Massimiliano Kolbe:
“Preziosa agli occhi del Signore / è la morte dei suoi fedeli” (Sal 115 [116],15), così abbiamo ripetuto nel Salmo responsoriale. Veramente è preziosa ed inestimabile! Mediante la morte, che Cristo ha subìto sulla Croce, si è compiuta la redenzione del mondo, poiché questa morte ha il valore dell’amore supremo. Mediante la morte, subìta dal padre Massimiliano Kolbe, un limpido segno di tale amore si è rinnovato nel nostro secolo, che in grado tanto alto e in molteplici modi è minacciato dal peccato e dalla morte.

Ecco che, in questa solenne liturgia della canonizzazione, sembra presentarsi tra noi quel “martire dell’amore” di Oswiecim (come lo chiamò Paolo VI) e dire:
“Io sono il tuo servo, Signore, / io sono tuo servo, figlio della tua ancella; / hai spezzato le mie catene” (Sal 115 [116],16).

E, quasi raccogliendo in uno il sacrificio di tutta la sua vita, lui, sacerdote e figlio spirituale di san Francesco, sembra dire:
“Che cosa renderò al Signore / per quanto mi ha dato? / Alzerò il calice della salvezza / e invocherò il nome del Signore” (Sal 115 [116],12s).

Sono, queste, parole di gratitudine. La morte subìta per amore, al posto del fratello, è un atto eroico dell’uomo, mediante il quale, insieme al nuovo Santo, glorifichiamo Dio. Da lui infatti proviene la Grazia di tale eroismo, di questo martirio.

4. Glorifichiamo dunque oggi la grande opera di Dio nell’uomo. Di fronte a tutti noi, qui riuniti, padre Massimiliano Kolbe alza il suo “calice della salvezza”, nel quale è racchiuso il sacrificio di tutta la sua vita, sigillata con la morte di martire “per un fratello”.

A questo definitivo sacrificio Massimiliano si preparò seguendo Cristo sin dai primi anni della sua vita in Polonia. Da quegli anni proviene l’arcano sogno di due corone: una bianca e una rossa, fra le quali il nostro santo non sceglie, ma le accetta entrambe. Sin dagli anni della giovinezza, infatti, lo permeava un grande amore verso Cristo e il desiderio del martirio.

Quest’amore e questo desiderio l’accompagnarono sulla via della vocazione francescana e sacerdotale, alla quale si preparava sia in Polonia che a Roma. Quest’amore e questo desiderio lo seguirono attraverso tutti i luoghi del servizio sacerdotale e francescano in Polonia, ed anche del servizio missionario nel Giappone.

5. L’ispirazione di tutta la sua vita fu l’Immacolata, alla quale affidava il suo amore per Cristo e il suo desiderio di martirio. Nel mistero dell’Immacolata Concezione si svelava davanti agli occhi della sua anima quel mondo meraviglioso e soprannaturale della Grazia di Dio offerta all’uomo. La fede e le opere di tutta la vita di padre Massimiliano indicano che egli concepiva la sua collaborazione con la Grazia divina come una milizia sotto il segno dell’Immacolata Concezione. La caratteristica mariana è particolarmente espressiva nella vita e nella santità di padre Kolbe. Con questo contrassegno è stato marcato anche tutto il suo apostolato, sia nella patria come nelle missioni. Sia in Polonia come nel Giappone furono centro di quest’apostolato le speciali città dell’Immacolata (“Niepokalanow” polacco, “Mugenzai no Sono” giapponese).

6. Che cosa è successo nel Bunker della fame nel campo di concentramento ad Oswiecim (Auschwitz), il 14 agosto del 1941?

A questo risponde l’odierna liturgia: ecco “Dio ha provato” Massimiliano Maria “e lo ha trovato degno di sé” (cf. Sap 3,5). L’ha provato “come oro nel crogiuolo / e l’ha gradito come un olocausto” (cf. Sap 3,6).

Anche se “agli occhi degli uomini subì castighi”, tuttavia “la sua speranza è piena di immortalità” poiché “le anime dei giusti sono nelle mani di Dio, / nessun tormento le toccherà”. E quando, umanamente parlando, li raggiungono il tormento e la morte, quando “agli occhi degli uomini parve che morissero...”, quando “la loro dipartita da noi fu ritenuta una sciagura...”, “essi sono nella pace”: essi provano la vita e la gloria “nelle mani di Dio” (cf. Sap 3,1-4).

Tale vita è frutto della morte a somiglianza della morte di Cristo. La gloria è la partecipazione alla sua risurrezione.

Che cosa dunque successe nel Bunker della fame, il giorno 14 agosto 1941?

Si compirono le parole rivolte da Cristo agli Apostoli, perché “andassero e portassero frutto e il loro frutto rimanesse” (cf. Gv 15,16).

In modo mirabile perdura nella Chiesa e nel mondo il frutto della morte eroica di Massimiliano Kolbe!

7. A quanto successe nel campo di “Auschwitz” guardavano gli uomini. E anche se ai loro occhi doveva sembrare che “morisse” un compagno del loro tormento, anche se umanamente potevano considerare “la sua dipartita” come “una rovina”, tuttavia nella loro coscienza questa non era solamente “la morte”.

Massimiliano non morì, ma “diede la vita... per il fratello”.

V’era in questa morte, terribile dal punto di vista umano, tutta la definitiva grandezza dell’atto umano e della scelta umana: egli da sé si offrì alla morte per amore.

E in questa sua morte umana c’era la trasparente testimonianza data a Cristo:
la testimonianza data in Cristo alla dignità dell’uomo, alla santità della sua vita e alla forza salvifica della morte, nella quale si manifesta la potenza dell’amore.

Proprio per questo la morte di Massimiliano Kolbe divenne un segno di vittoria. È stata questa la vittoria riportata su tutto il sistema del disprezzo e dell’odio verso l’uomo e verso ciò che è divino nell’uomo, vittoria simile a quella che ha riportato il nostro Signore Gesù Cristo sul Calvario.

“Voi siete miei amici, se farete ciò che vi comando” (Gv 15,14)

8. La Chiesa accetta questo segno di vittoria, riportata mediante la forza della Redenzione di Cristo, con venerazione e con gratitudine. Cerca di leggerne l’eloquenza con tutta umiltà ed amore.

Come sempre, quando proclama la santità dei suoi figli e delle sue figlie, così anche in questo caso, essa cerca di agire con tutta la precisione e la responsabilità dovute, penetrando in tutti gli aspetti della vita e della morte del Servo di Dio.

Tuttavia la Chiesa deve, al tempo stesso, stare attenta, leggendo il segno della santità dato da Dio nel suo Servo terreno, di non lasciar sfuggire la sua piena eloquenza e il suo significato definitivo.

E perciò, nel giudicare la causa del beato Massimiliano Kolbe si dovettero – già dopo la beatificazione – prendere in considerazione molteplici voci del Popolo di Dio, e soprattutto dei nostri fratelli nell’Episcopato, sia della Polonia come pure della Germania, che chiedevano di proclamare Massimiliano Kolbe santo “come martire”.

Di fronte all’eloquenza della vita e della morte del beato Massimiliano, non si può non riconoscere ciò che pare costituisca il principale ed essenziale contenuto del segno dato da Dio alla Chiesa e al mondo nella sua morte.

Non costituisce questa morte affrontata spontaneamente, per amore all’uomo, un particolare compimento delle parole di Cristo?

Non rende essa Massimiliano particolarmente simile a Cristo, Modello di tutti i Martiri, che dà la propria vita sulla Croce per i fratelli?

Non possiede proprio una tale morte una particolare, penetrante eloquenza per la nostra epoca?

Non costituisce essa una testimonianza particolarmente autentica della Chiesa nel mondo contemporaneo?

9. E perciò, in virtù della mia apostolica autorità ho decretato che Massimiliano Maria Kolbe, il quale, in seguito alla Beatificazione, era venerato come Confessore, venga d’ora in poi venerato “anche come Martire”!

“Preziosa agli occhi del Signore / è la morte dei suoi fedeli”!
Amen."


Conclusa l’omelia in italiano, il Santo Padre riassume in tedesco il concetto appena espresso.

"Liebe Brüder und Schwestern deutscher Sprache!
Durch die heutige Heiligsprechung stell die Kirche das heroische Lebensopfer von Pater Maximilian Kolbe als höchstes Zeugnis christlicher Bruderliebe vor Augen. Es geschah im Konzentrationslager von Auschwitz, wo zusammen mit ihm unter unzähligen gemarterten Menschen auch die Dienerin Gottes Edith Stein den Tod gefunden hat. Auch für sie hat der Seligsprechungsprozeß schon begonnen.

Durch seine heroische Liebestat hat Pater Maximilian Kolbe das Lebensrecht eines Unschuldigen verteidigt und das ausschließliche Recht des Schöpfers auf das Leben des Menschen bekräftigt. Er ist dadurch in einer besonderen Weise Christus ähnlich geworden, der sein Leben am Kreuz für uns hingegeben hat. Folgen auch wir wie der hl. Maximilian Kolbe diesem Beispiel Christi in opferbereitem, liebendem Einsatz für unsere Mitmenschen!"

Blessed Papa Paul VI's Homily at Maximilian Kolbe's Beatification
Sunda, 17 October 1971 - in Italian

"Massimiliano Maria Kolbe, Beato. Che cosa vuol dire? Vuol dire che la Chiesa riconosce in lui una figura eccezionale, un uomo in cui la grazia di Dio e l’anima di lui si sono così incontrate da produrre una vita stupenda, nella quale chi bene la osserva scopre questa simbiosi d’un duplice principio operativo, il divino e l’umano, misterioso l’uno, sperimentabile l’altro, trascendente ma interiore l’uno, naturale l’altro ma complesso e dilatato, fino a raggiungere quel singolare profilo di grandezza morale e spirituale che chiamiamo santità, cioè perfezione raggiunta sul parametro religioso, che, come si sa, corre verso le altezze infinite dell’Assoluto. Beato dunque vuol dire degno di quella venerazione, cioè di quel culto permissivo, locale e relativo, che implica l’ammirazione verso chi ne è l’oggetto per qualche suo insolito e magnifico riflesso dello Spirito santificante. Beato vuol dire salvo e glorioso. Vuol dire cittadino del cielo, con tutti i segni peculiari del cittadino della terra; vuol dire fratello e amico, che sappiamo ancora nostro, anzi più che mai nostro, perché identificato come membro operoso della comunione dei Santi, la quale è quel corpo mistico di Cristo, la Chiesa vivente sia nel tempo che nell’eternità; vuol dire avvocato perciò, e protettore nel regno della carità, insieme con Cristo «sempre vivo da poter intercedere per noi (Hebr. 7, 25; cfr. Rom. 8, 34); vuol dire finalmente campione esemplare, tipo di uomo, al quale possiamo uniformare la nostra arte di vivere, essendo a lui, al beato, riconosciuto il privilegio dell’apostolo Paolo, di poter dire al popolo cristiano: «siate imitatori di me, come io lo sono di Cristo» (1 Cor. 4, 16; 11, 1; Phil. 3, 17; cfr. 1 Thess. 3, 7).

VITA ED OPERE DEL NUOVO BEATO

Così possiamo da oggi considerare Massimiliano Kolbe, il nuovo beato. Ma chi è Massimiliano Kolbe?

Voi lo sapete, voi lo conoscete. Così vicino alla nostra generazione, così imbevuto della esperienza vissuta di questo nostro tempo, tutto si sa di lui. Forse pochi altri processi di beatificazione sono documentati come questo. Solo per la nostra moderna passione della verità storica leggiamo, quasi in epigrafe, il profilo biografico di Padre Kolbe, dovuto ad uno dei suoi più assidui studiosi.

«Il P. Massimiliano Kolbe nacque a Zdusnka Wola, vicino a Lodz, l’otto gennaio 1894. Entrato nel 1907 nel Seminario dei Frati Minori Conventuali, fu inviato a Roma per continuare gli studi ecclesiastici nella Pontificia Università Gregoriana e nel “Seraphicum” del suo Ordine.

Ancora studente, ideò un’istituzione, la Milizia della Immacolata. Ordinato sacerdote il 28 aprile 1918 e tornato in Polonia cominciò il suo apostolato mariano, specialmente con la pubblicazione mensile Rycerz Niepokalanej (il Cavaliere della Immacolata), che raggiunse il milione di copie nel 1938.

Nel 1927 fondò la Niepokalanbw (Città dell’Immacolata), centro di vita religiosa e di diverse forme di apostolato. Nel 1930 partì per il Giappone, ove fondò un’altra simile istituzione.

Tornato definitivamente in Polonia si dedicò interamente alla sua opera, con diverse pubblicazioni religiose. La seconda guerra mondiale lo sorprese a capo del più imponente complesso editoriale della Polonia.

Il 19 settembre 1939 fu arrestato dalla Gestapo, che lo deportò prima a Lamsdorf (Germania), poi nel campo di concentramento preventivo di Amtitz. Rilasciato il giorno 8 dicembre 1939, tornò a Niepokalanow, riprendendo l’attività interrotta. Arrestato di nuovo nel 1941 fu rinchiuso nel carcere di Pawiak, a Varsavia, e poi deportato nel campo di concentramento di Oswiecim (Auschwitz).

Avendo offerta la vita al posto di uno sconosciuto condannato a morte, quale rappresaglia per la fuga d’un prigioniero, fu rinchiuso in un Bunker per morirvi di fame. Il 14 agosto 1941, vigilia dell’Assunta, finito da una iniezione di veleno, rendeva la sua bell’anima R Dio, dopo aver assistito e confortato i suoi compagni di sventura. Il suo corpo fu cremato» (Padre Ernesto Piacentini, O.F.M. Conv.).

IL CULTO DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE

Ma m una cerimonia come questa il dato biografico scompare nella luce delle grandi linee maestre della figura sintetica del nuovo Beato; e fissiamo per un istante lo sguardo su queste linee, che lo caratterizzano e lo consegnano alla nostra memoria.

Maximilian Kolbe was an apostle of the cult of the Blessed Virgin, seen in her first, original privileged splendour, as she defined herself at Lourdes: the Immaculate Conception. It is impossible to separate the name, the activity, and the mission of the Blessed Kolbe from that of Mary Immaculate. È lui che istituì la Milizia dell’Immacolata, qui a Roma, ancora prima d’essere ordinato Sacerdote, il 16 ottobre 1917. Ne possiamo oggi commemorare l’anniversario. It is well known how the humble and meek Franciscan, with incredible audacity and extraordinary organisational genius, developed the initiative and made devotion to the Mother of Christ, contemplated as clothed with the sun (cf Apoc 12:1) the focal point of his spirituality, his apostolate, his theology. Let no hesitation restrain our imagination, our adherence to this message that the new Blessed leaves to us as a heritage and as an example, come se anche noi fossimo diffidenti d’una simile esaltazione mariana, quando due altre correnti teologiche e spirituali, oggi prevalenti nel pensiero e nella vita religiosa, quella cristologica e quella ecclesiologica, fossero in competizione con quella mariologica. Nessuna competizione. Christ in Kolbe's thought, holds not only the first place, but the only place necessary and sufficient, absolutely speaking, in the economy of salvation; nor is love of the Church and of her mission forgotten in the doctrinal conception or the apostolic aim of the new Blessed. On the contrary, it is precisely from her subordinated complementariness with regard to Christ that the Blessed Virgin derives her every prerogative and greatness.

Ben lo sappiamo. Kolbe, like the whole of Catholic doctrine, liturgy and spirituality, sees Mary inserted in the divine plan, as the "fixed term of eternal counsel", the fullness of grace, the seat of wisdom, the predestined Mother of Christ, the queen of the messianic kingdom (Lk 1:33), and at the same time the Lord's handmaid, the one chosen to offer the Incarnation of the Word her irreplaceable co-operation, as the Mother of the Man-God, our Saviour. "Mary is the one through whom men reach Jesus, and the one through whom Jesus reaches men" (L Bouyer).

Non è perciò da rimproverare il nostro Beato, né la Chiesa con lui, per l’entusiasmo che è dedicato al culto della Vergine; esso non sarà mai pari al merito, né al vantaggio d’un tale culto, proprio per il mistero di comunione che unisce Maria a Cristo, e che trova nel Nuovo Testamento una avvincente documentazione; non ne verrà mai una «mariolatria», come non mai sarà oscurato il sole dalla luna; né mai sarà alterata la missione di salvezza propriamente affidata al ministero della Chiesa, se questa saprà onorare in Maria una sua Figlia eccezionale e una sua Madre spirituale. L’aspetto caratteristico, se si vuole, ma per sé punto originale, della devozione, della «iperdulia», del Beato Kolbe a Maria è l’importanza ch’egli vi attribuisce in ordine ai bisogni presenti della Chiesa, all’efficacia della sua profezia circa la gloria del Signore e la rivendicazione degli umili, alla potenza della sua intercessione, allo splendore della sua esemplarità, alla presenza della sua materna carità. Il Concilio ci ha confermati in queste certezze, ed ora dal cielo Padre Kolbe ci insegna e ci aiuta a meditarle e a viverle.

This Marian aspect of the new Blessed qualifies and classifies him among the great saints and seers who have understood, venerated and sung the mystery of Mary.

TRAGICO E SUPERNO EPILOGO

Poi il tragico e sublime epilogo della vita innocente e apostolica di Massimiliano Kolbe. A questo è principalmente dovuta la glorificazione che oggi la Chiesa celebra dell’umile, mite, operoso religioso, alunno esemplare di S. Francesco e cavaliere innamorato di Maria Immacolata. Il quadro della sua fine nel tempo è così orrido e straziante, che preferiremmo non parlarne, non contemplarlo mai più, per non vedere dove può giungere la degradazione inumana della prepotenza che si fa dell’impassibile crudeltà su esseri ridotti a schiavi indifesi e destinati allo sterminio il piedistallo di grandezza e di gloria; e furono milioni codesti essere sacrificati all’orgoglio della forza e alla follia del razzismo. Ma bisogna pure ripensarlo questo quadro tenebroso per potervi scorgere, qua e là, qualche scintilla di superstite umanità. La storia non potrà, ahimé!, dimenticare questa sua pagina spaventosa. E allora non potrà non fissare lo sguardo esterrefatto sui punti luminosi che ne denunciano, ma insieme ne vincono l’inconcepibile oscurità. Uno di questi punti, e forse il più ardente e il più scintillante è la figura estenuata e calma di Massimiliano Kolbe. Eroe calmo e sempre pio e sospeso a paradossale e pur ragionata fiducia. Il suo nome resterà fra i grandi, svelerà quali riserve di valori morali fossero giacenti fra quelle masse infelici, agghiacciate dal terrore e dalla disperazione. Su quell’immenso vestibolo di morte, ecco aleggiare una divina e imperitura parola di vita, quella di Gesù che svela il segreto del dolore innocente: essere espiazione, essere vittima, essere sacrificio, e finalmente essere amore: «Non vi è amore più grande che quello di dare la propria vita per i propri amici» (Io. 15, 13). Gesù parlava di sé nell’imminenza della sua immolazione per la salvezza degli uomini. Gli uomini sono tutti amici di Gesù, se almeno ascoltano la sua parola. Padre Kolbe realizzò, nel fatale campo di Oswiecim, la sentenza dell’amore redentore. A duplice titolo.

IL SACERDOTE, «ALTER CHRISTUS»

Chi non ricorda l’episodio incomparabile? «Sono un sacerdote cattolico», egli disse offrendo la propria vita alla morte - e quale morte! - per risparmiare alla sopravvivenza uno sconosciuto compagno di sventura, già designato per la cieca vendetta. Fu un momento grande: l’offerta era accettata. Essa nasceva dal cuore allenato al dono di sé, come naturale e spontanea quasi come una conseguenza logica del proprio Sacerdozio. Non è un Sacerdote un «altro Cristo»? Non è stato Cristo Sacerdote la vittima redentrice del genere umano? Quale gloria, quale esempio per noi Sacerdoti ravvisare in questo nuovo Beato un interprete della nostra consacrazione e della nostra missione! Quale ammonimento in quest’ora d’incertezza nella quale la natura umana vorrebbe tal volta far prevalere i suoi diritti sopra la vocazione soprannaturale al dono totale a Cristo in chi è chiamato alla sua sequela! E quale conforto per la dilettissima e nobilissima schiera compatta e fedele dei buoni Preti e Religiosi, che, anche nel legittimo e lodevole intento di riscattarla dalla mediocrità personale e dalla frustrazione sociale, così concepiscono la loro missione: sono Sacerdote cattolico, perciò io offro la mia vita per salvare quella degli altri! Sembra questa la consegna che il Beato lascia particolarmente a noi, ministri della Chiesa di Dio, e analogamente a quanti di essa ne accettano Io Spirito.

FIGLIO DELLA NOBILE E CATTOLICA POLONIA

E a questo titolo sacerdotale un altro si aggiunge; un altro comprovante che il sacrificio del Beato aveva la sua motivazione in una amicizia: egli era Polacco. Come Polacco era condannato a quell’infausto «Lager», e come Polacco egli scambiava la sua sorte con quella a cui il connazionale Francesco Gajownicek era destinato; cioè subiva la pena crudele e mortale in vece di lui. Quante cose sorgono nell’animo a ricordo di questo aspetto umano, sociale ed etnico della morte volontaria di Massimiliano Kolbe, figlio lui pure della nobile e cattolica Polonia! Il destino storico di sofferenza di questa Nazione pare documentare in questo caso tipico ed eroico la vocazione secolare del Popolo Polacco a trovare nella comune passione la sua coscienza unitaria, la sua missione cavalleresca alla libertà raggiunta nella fierezza del sacrificio spontaneo dei suoi figli, e la lo8ro prontezza a darsi gli uni per gli altri per il superamento della loro vivacità in una invitta concordia, il suo carattere indelebilmente cattolico che lo sigilla membro vivente e paziente della Chiesa universale, la sua ferma convinzione che nella prodigiosa, ma sofferta protezione della Madonna è il segreto della sua rinascente floridezza, sono raggi iridescenti che si effondono dal novello martire della Polonia e fanno risplendere l’autentico volto fatidico di questo Paese, e ci fanno invocare dal Beato suo tipico eroe la fermezza nella fede, l’ardore nella carità, la concordia, la prosperità e la pace di tutto il suo Popolo. La Chiesa e il mondo ne godranno insieme. Così sia."